Catanzaro

Catanzaro

Esami. Ammesso 96% di maturandi in Calabria: si inizia domani

Scritto da Redazione

Sono circa 25 mila, pari al 96% degli studenti dell’ultimo anno della scuola superiore di secondo grado della regione, i maturandi calabresi che da domani mattina si cimenteranno con l’esame di maturità.

La prova di quest’anno è stata ridefinita tenendo conto dell’impatto dell’emergenza sanitaria sulla vita del Paese e su quella scolastica. È previsto un colloquio, che partirà dalla discussione di un elaborato il cui argomento è stato assegnato a ciascuna studentessa e a ciascuno studente dai Consigli di classe.

I candidati hanno avuto un mese per produrlo con il supporto di un docente. L’elaborato è stato assegnato sulla base del percorso svolto e delle discipline caratterizzanti l’indirizzo di studi.

Dopo la discussione dell’elaborato, il colloquio proseguirà con la discussione di un testo già oggetto di studio nell’ambito dell’insegnamento di lingua e letteratura italiana, con l’analisi di materiali (un testo, un documento, un’esperienza, un problema, un progetto) predisposti dalla commissione con trattazione di nodi concettuali caratterizzanti le diverse discipline.

Ci sarà spazio per l’esposizione dell’esperienza svolta nei Pcto (Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento).

Il candidato dovrà dimostrare, nel corso del colloquio, di aver maturato le competenze e le conoscenze previste nell’ambito dell’Educazione civica. La durata indicativa del colloquio sarà di 60 minuti.

Anche quest’anno, come lo scorso anno, le Commissioni sono presiedute da un presidente esterno e sono composte da sei commissari interni.

Il vaccino anti Covid 19 non è obbligatorio, ma i candidati dovranno comunque autocertificare le loro condizioni di salute.

Coronavirus. In Calabria 185 nuovi contagi e 3 morti

Scritto da Redazione

Contagi da coronavirus sostanzialmente stabili in Calabria. Il bollettino diffuso dalla regione riporta che su 2.996 tamponi processati nelle ultime ore, 185 sono risultati positivi al Covid-19. 3 i decessi per un totale di 1.157 morti.

Il maggior numero di nuovi casi accertati appartiene alle province di Cosenza con 66, segue Reggio Calabria con 51, 31 a CrotoneCatanzaro con 27 e 10 a Vibo Valentia.

I casi attivi di coronavirus nella nostra regione sono 10.388. Le persone ricoverate nei reparti covid sono 274 stabili rispetto all’ultima rilevazione mentre ci sono due ricoverati in meno in terapia intensiva per un totale di 19.

Lamezia Terme. Inaugurata ufficialmente aula bunker del Distretto di Catanzaro

Scritto da Redazione

E’ stata inaugurata ufficialmente l’aula bunker del distretto giudiziario di Catanzaro che si trova nell’area industriale di Lamezia Terme.

Presenti il direttore generale del ministero della Giustizia Massimo Orlando, il presidente ff della Regione Nino Spirlì, il presidente della Corte d’Appello Domenico Introcaso, il procuratore Nicola Gratteri, il procuratore generale Beniamino Calabrese, il procuratore di Vibo Valentia Camillo Falvo, il presidente del Tribunale Rodolfo Palermo. Nell’occasione è stata anche comunicata la cessione agli uffici giudiziari di una struttura adiacente all’aula bunker che verrà utilizzata per contenere gli archivi del distretto.

Quando le pubbliche amministrazioni lavorano in vista di un obbiettivo comune – ha detto Orlando – gli obbiettivi si possono raggiungere. All’epoca l’aula bunker è stata presa in consegna dal ministro Bonafede ma l’impegno a proseguire per dotare gli uffici giudiziari calabresi di strutture sempre più efficienti prosegue anche con la nuova ministra“.

Ringrazio la Regione e il ministero che hanno reso possibile la celebrazione del processo Rinascita. Il messaggio forte- ha detto Introcaso –  è che i processi si devono celebrare in Calabria. Ringrazio Spirlì per l’impegno speso, coadiuvato da Gratteri che ha condotto tutta l’attività necessaria. Quello che abbiamo potuto fare noi è trasmettere un messaggio importante: questo non è solo un luogo fisico, ma di relazione sociali e di affermazione della legalità“.

Il merito di questa bellissima opera – ha detto Gratteri – è di tutti. Io sono riuscito a far sedere intorno a un tavolo anche gente che non aveva tanto interesse a far avere alla Calabria un’aula degna del livello del target qualitativo della magistratura, dell’avvocatura e delle forze dell’ordine. La Calabria aveva bisogno come il pane di un’aula bunker come questa. Ci sono aspetti qualitativi molto alti, la videoconferenza contemporaneamente in 150 punti dell’aula, far sedere quasi mille persone con le regole del distanziamento anti-Covid, un sistema di monitoraggio a circuito chiuso esterno e interno. Oggi è l’occasione anche di annunciare che la Regione ci concede una struttura di 3.600 metri per gli archivi di tutto il distretto. Vuol dire risparmiare altri 600mila euro l’anno di fitti. E questa è una notizia importante“.

Sono felice – ha detto Spirlì – perché Jole Santelli ha voluto fortemente questa aula bunker. Questa ora è la casa della giustizia. Gratteri e Introcaso ci hanno onorato di far parte di questa famiglia. Grazie al ministero, la presidente Santelli ha dato la stura a questa collaborazione. Oggi noi consegneremo l’edificio dove saranno sistemati gli archivi. La Regione intende dare un segno preciso al territorio, noi siamo per la giustizia, per la legalità e non avremmo potuto mai rimanere fuori da questo progetto, anzi continueremo nel nostro affiancamento. Siamo orgogliosi di quello che sta accadendo. La Regione ha scelto finalmente e definitivamente la legalità, e questo è molto importante“.

Una soddisfazione enorme – ha detto Calabrese– per avere fatto questo lavoro in Calabria, una terra notoriamente massacrata anche un po’ dalla retorica della terra ultima in tutto. Invece abbiamo sconfitto anche questa retorica. Abbiamo costruito e realizzato quest’opera in soli cinque mesi, a cavallo dell’estate, in piena pandemia e con la sinergia di tutte le istituzioni, dagli enti locali al ministero alle autorità giudiziarie coinvolte. Oggi realizziamo un ulteriore tassello di questa costruzione sinergica perché verrà ceduta una struttura speculare all’aula bunker per realizzare gli archivi che consentirà non solo una concentrazione sinergica delle forze – nel senso che potrà quasi costituirsi una seconda cittadella giudiziaria su questo sito. Ma questo comporterà anche un risparmio enorme perché abbiamo gli archivi in situazioni logistiche a noleggio quindi con un enorme esborso annuale per il ministero della Giustizia“.

Ritrovato in Sila figlio del prof. Aiello

Scritto da Redazione

È stato ritrovato ed è in buona salute Giuseppe Aiello, 27 anni, del quale non si avevano più notizie dal pomeriggio di ieri.

Il giovane, figlio di Francesco Aiello, docente di economia all’Università della Calabria ed ex candidato alla presidenza della Regione per il Movimento 5 Stelle, è stato rintracciato dagli uomini del Soccorso alpino della Calabria a Scandale in provincia di Crotone.

Il 27enne era uscito con il suo scooter Vespa 250 ritrovato qualche ora prima vicino al lago Ampollino, in località Trepidò, senza carburante.

E’ stato individuato lungo la strada che stava percorrendo a piedi con l’intento di raggiungere la propria nonna residente in un paese vicino.

Coronavirus. Risalgono i contagi: 205 nelle ultime ore

Scritto da Redazione

Risalgono i contagi da coronavirus in Calabria. Il bollettino diffuso dalla regione riporta che su 3.548 tamponi processati nelle ultime ore, 205 sono risultati positivi al Covid-19. 4 i decessi per un totale di 1.154 morti.

Il maggior numero di nuovi casi accertati appartiene alle province di Cosenza con 93, segue Catanzaro con 45, Reggio Calabria con 41, 18 a Crotone e 8 a Vibo Valentia.

I casi attivi di coronavirus nella nostra regione sono 10.572.

Le persone ricoverate nei reparti covid sono 274, 7 in meno rispetto all’ultima rilevazione e un ricovero in meno in terapia intensiva per un totale di 21.

Coronavirus. In Calabria + 113 positivi e 10 morti in 24 ore

Scritto da Redazione

Ci sono 113 nuovi contagi da coronavirus in Calabria su 3.159 tamponi processati ma una impennata di decessi, 10, per un totale di 1.150. E’ quanto riporta il bollettino diffuso dalla regione riferito alle ultime ore.

Il maggior numero di nuovi casi accertati appartiene alle province di Reggio Calabria e Crotone entrambe con 32, segue Catanzaro con 24, Cosenza con 21 e 4 a Vibo Valentia.

I casi attivi di coronavirus nella nostra regione sono 10.598.

Le persone ricoverate nei reparti covid sono 281, 2 in meno rispetto all’ultima rilevazione e 7 in meno i ricoveri in terapia intensiva per un totale di 22.