Reggio Calabria

Ok in Comitato di Sorveglianza alla relazione annuale del Psc della Città Metropolitana di Reggio Calabria

Written by Redazione

Anche per l’anno in corso, entro il termine del 31 maggio, il Comitato di Sorveglianza, preposto al controllo dello stato di attuazione del PSC, regolarmente convocato, ha approvato, in prima istanza, la relazione annuale del PSC al 31 dicembre 2023, all’esito della riunione tenutasi lo scorso 22 maggio in modalità telematica. L’ingegner Pietro Foti, Dirigente del Settore 10 “Pianificazione – Valorizzazione del Territorio –Leggi Speciali”, Autorità Responsabile del PSC, con la collaborazione dei dipendenti e dei collaboratori presenti, ha esposto i punti salienti della Relazione in merito all’andamento della spesa nel corso dell’anno 2023, alle attività di monitoraggio e controllo in loco effettuate e, circostanza di particolare rilievo, al sostanziale consolidamento del finanziamento complessivo del PSC, in quanto tutti gli interventi originari sono stati confermati e due sono transitati nella programmazione regionale FSC 2017/2021. L’attuale dotazione finanziaria del PSC della Città Metropolitana, pertanto, al netto dei due interventi transitati sulla programmazione regionale, è pari a 134.820.000,00 euro. Nel corso della medesima riunione, durante la quale è più volte emerso l’ottimo rapporto di collaborazione instauratosi tra la Città Metropolitana ed i rappresentanti delle istituzioni che compongono il Comitato di Sorveglianza, è stata esaminata ed approvata la proposta di riprogrammazione dell’attuale PSC, mediante redistribuzione di alcuni importi tra gli interventi ancora in itinere e l’inserimento di nuovi interventi – alcuni dei quali provenienti da altri canali finanziari - al fine di ottimizzare l’impiego dell’attuale dotazione finanziaria, anche mediante riutilizzo delle economie accertate. Le sinergie in campo hanno sortito, ancora una volta, ottimi risultati, confermando in toto la positività delle modalità operative improntate ai principii di cooperazione, condivisione e confronto interistituzionale per il raggiungimento di un comune obiettivo finale, volto al pieno soddisfacimento del pubblico interesse delle comunità locali.

A Reggio Calabria arriva “Musicittà”

Written by Redazione

Sabato 22 giugno, a Reggio Calabria, si terrà la prima edizione di Musicittà, un’iniziativa nata per presentare il lavoro di ricerca e documentazione legato all’esperienza del Mu.Stru.Mu. (Museo dello Strumento Musicale) proposto come attività corale dell’insegnamento in didattica della multimedialità presso l’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria, per l’anno accademico 2023/2024, a cura della scuola di Comunicazione e didattica dell’arte in collaborazione con le scuole di Pittura e Nuove Tecnologie dell’Arte. L’iniziativa mattutina, di concerto con il Conservatorio di Musica “Francesco Cilea” di Reggio Calabria, è intitolata Musicittà e prevede set musicali lungo il corso Garibaldi eseguiti dall’Hyle Saxophone Quartet incorniciati dall’intervento pittorico/performativo Telaeinspalla (camminare dipingendo, dipingere camminando) a cura degli studenti di Pittura dell’Accademia supervisionati dal prof. Davide Mancini Zanchi. Si apre il tutto, alle ore 10.30, dinanzi alla Chiesa di San Giorgio al Corso; tappa successiva presso le scale del teatro "Cilea" alle 11.30 cui segue, un’ora dopo, l’ultima performance della mattinata, nei pressi del Mu.Stru.Mu. dove alle ore 18, l’iniziativa prosegue tra voci, visori e giochi. L’attività pomeridiana ruota intorno alla riapertura simbolica del museo (chiuso dal 2013, a seguito di un incendio doloso) mediante un allestimento virtuale sulla piattaforma Artsteps - Il sogno del Mu.Stru.mu., la presentazione di un videogame dedicato - Il Ritmo del Mu.Stru.Mu, l’ascolto di un podcast - La voce degli strumenti, realizzati dalle studentesse e dagli studenti frequentanti il corso in didattica della multimedialità a cura del prof. Antonio Mastrogiacomo. A conclusione della giornata, è prevista una jam session. Per quanto riguarda il sogno del Mu.Stru.Mu., l'allestimento espositivo è a cura di Noemi Di Maio, Laura Liconti, Shadi Taheri, mentre il Ritmo del Mu.Stru.Mu, videogioco di Maria Concetta Forgione, Marica Giustra e Paolo Zampaglione, con la collaborazione di Gabriele e Giuliano Gambacorta e la supervisione del prof. Giacomo Tufano.  La voce degli strumenti, un podcast sulla COLLEZIONE, è seguito da Dario Zema, con la partecipazione di Demetrio Spagna. TelAEInSpalla (camminare dipingendo/dipingere camminando) invece, vede la partecipazione di Mary Guarnera, Adriana Cosenza, Ferdinando Paviglianiti, Francesca Azzarà, Davide Scagliola, Asia Schipilliti, Federica Mazzeo, Giada Modafferri, Cris Skyler Arnese, Miryam Pepe, Andrea Albanese, Demetrio Spagna, Claudia Muscolino, Lilli Romano, Martina Bruzzese e Giorgia Foti. Ricordiamo che Musicittà è un’iniziativa a cura dell’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria in collaborazione con il Conservatorio “Francesco Cilea” di Reggio Calabria a sostegno del Mu.Stru.Mu. (Museo dello Strumento Musicale).

A Delianuova nasce Agorà Deliese, il sindaco Falcomatà ringrazia i promotori

Written by Redazione

Il sindaco metropolitano, Giuseppe Falcomatà, ha preso parte alla presentazione dell’associazione Agorà Deliese, presieduta da Giovanni Palumbo. Nel salone della scuola di musica “Spadaro” della cittadina pianigiana, il sindaco è intervenuto ad un dibattito pubblico insieme a Maria Rosa Condina, Nicola Condoluci e Tina Frisina, membri del nuovo sodalizio che hanno illustrato scopi e finalità dell’associazione ed un’app innovativa pensata per offrire opportunità e sviluppo del territorio. «Si è trattato di una bellissima iniziativa», ha detto Giuseppe Falcomatà riconoscendo «l’importanza di un’occasione utile ad affrontare il tema del completamento della strada di collegamento tra lo svincolo autostradale a Gioia Tauro ed il borgo di Delianuova, un lavoro della Città Metropolitana del 2006 che ha avuto diverse vicissitudini e che, ormai completa per il 94%, dovrà passare anche dalla rescissione in danno del contratto con la ditta aggiudicataria dell’appalto». «Quindi – ha spiegato il sindaco - procederemo con una nuova gara rispetto alla quale è stato chiesto, da due anni, un finanziamento con priorità tre alla Regione Calabria per 4,5 milioni di euro. Siamo convinti che, anche grazie alla presenza della nuova associazione, che naturalmente consente maggiore consapevolezza delle dinamiche del territorio, e, naturalmente, insieme all’amministrazione comunale di Delianuova, si potrà lavorare in sinergia affinché questa importante opera possa finalmente vedere la luce». «La nascita di Agorà Deliese – ha proseguito Falcomatà – è una buona notizia perché consente al territorio di evitare l’isolamento sociale, culturale e politico. La sua presenza, infatti, permette di ampliare il confronto su tematiche di carattere nazionale che hanno, però, effetti sui territori più piccoli e sulle comunità. Penso, per esempio, all’autonomia differenziata». Per il presidente di Agorà Deliese, Giovanni Palumbo, l’intervento del sindaco metropolitano al battesimo della nuova realtà associativa «è stato fondamentale e prezioso perché ha chiarito alcuni punti d’interesse collettivo, a partire dalla strada di collegamento che, una volta completata, porterebbe vantaggi enormi in termini di tempo e sicurezza». «La nostra associazione – ha concluso - vuole avvicinare la gente al dibattito pubblico, vuole creare unità e partecipazione con l’unico scopo di dare più servizi e maggiori informazioni ai cittadini. Piccole realtà come Delianuova hanno un estremo bisogno di essere confortate e aiutate. Vogliamo dare voce ad un popolo che vuole essere ascoltato anche al di fuori dei confini di questo splendido paese».

Commemorato a Sant’Eufemia d’Aspromonte il Maresciallo Capo Pasquale Azzolina, Medaglia di Bronzo al Valor Militare alla memoria.

Written by Redazione

Questa mattina, a Sant’Eufemia d’Aspromonte in provincia di Reggio Calabria, è stato commemorato il Maresciallo Capo Pasquale Azzolina, Medaglia di Bronzo al Valor Militare alla memoria. Anche quest’anno l’Arma dei Carabinieri ha sentito forte il dovere di ricordare con un momento di raccoglimento la memoria del commilitone che ha perso la vita nell’adempimento del proprio dovere. Un ricordo indelebile, un esempio costante nella vita di ogni carabiniere, foriero di indicazioni proprio in questo momento della vita del Paese in cui il servizio reso al prossimo è quanto mai sentito. Alla cerimonia di commemorazione oltre ai familiari, hanno partecipato le massime autorità civili, militari, religiose e giudiziarie della provincia, in presenza dei quali, presso la lapide di località “Ponte Crasta” di Sant’Eufemia d’Aspromonte, è stata deposta una corona di alloro, in ricordo dell’eccidio del militare avvenuto il 17 giugno 1996. A seguire è stata celebrata la Santa Messa officiata dal cappellano militare don Aldo RIPEPI e del parroco Don Marco Larosa, presso la Chiesa di Sant’Ambrogio.

IL FATTO

“Il 17 giugno 1996, alle ore 23 circa, il militare di servizio alla caserma di Sant’Eufemia, trattenutosi per la compilazione di alcuni atti, riceveva una telefonata anonima che segnalava in località “Ponte Crasta” la presenza di individui sospetti nei pressi di una moto-ape. Il militare rappresentava subito i fatti al comandante della Stazione, Maresciallo Azzolina, il quale senza esitazione, con l’auto di servizio ed in uniforme si recava, unitamente a quest’ultimo, nella località indicata. Giunti in località “Ponte Crasta”, i militari notavano due giovani fratelli del luogo, da loro conosciuti, intenti a smontare pezzi del motore della moto ape, abbandonata a seguito di sinistro stradale il giorno precedente. Alla vista dei carabinieri i due fratelli nascondevano alcuni attrezzi all’interno della propria autovettura parcheggiata poco distante. Nel procedere al controllo dei due giovani, il Maresciallo Azzolina, che ben li conosceva sin da ragazzi, constatava all’interno dell’autovettura la presenza di pezzi di motore, per cui invitava i due fratelli a seguirlo in caserma ed a salire a bordo dell’automezzo militare. L’invito del sottufficiale veniva accolto dal fratello minore, mentre scatenava la reazione di quello maggiore, che repentinamente estraeva una pistola beretta cal.7.65, esplodendo a distanza ravvicinata alcuni colpi all’indirizzo del maresciallo. Il Maresciallo Azzolina, benché colpito, estraeva prontamente la propria pistola d’ordinanza, ma, prima di poter far fuoco, veniva raggiunto da ennesimo colpo, che lo faceva cadere esanime. I due malfattori si dileguavano a bordo dell’autovettura di proprietà e nelle ore successive al delitto venivano tratti in arresto ed assicurati alla giustizia, con il fattivo apporto del Vice Brigadiere Salvatore Coltello che era insieme al Maresciallo e nell’azione di fuoco era rimasto ferito. Il Maresciallo Capo Azzolina venne insignito della medaglia di bronzo al valor militare “alla memoria”, con la seguente motivazione: “Comandante di Stazione distaccata in territorio caratterizzato da alto indice di criminalità, veniva fatto segno, unitamente a militare dipendente, ad improvvisa e violenta azione di fuoco da parte di due malviventi sorpresi in flagranza di furto. Benché colpito in più parti del corpo, con elevato coraggio e grande determinazione, tentava di reagire con l’arma in dotazione, ma colpito ancora una volta in parti vitali, si accasciava esanime al suolo. Fulgido esempio di alto senso del dovere ed elevate virtù militari, spinte fino all’estremo sacrificio. Sant’Eufemia d’Aspromonte (Reggio Calabria), 17 giugno 1996.”

Istituto Nazionale Azzurro (I.N.A.). Diversi i cittadini di Reggio Calabria alla Messa solenne in Vaticano per i nuovi ingressi

Written by Redazione

Una giornata storica e toccante ha avuto luogo sabato 15 Giugno a Roma in Vaticano, dove si è celebrata una solenne Santa Messa in occasione dei nuovi ingressi nell'Istituto Nazionale Azzurro (I.N.A.). Diversi cittadini di Reggio Calabria, noti per il loro impegno sociale, hanno promesso di dedicarsi ad aiutare i più deboli e di essere al servizio delle persone bisognose, abbracciando con fervore i nobili ideali dell'Istituto Nazionale Azzurro. 

La Santa Messa è stata presieduta da Sua Eminenza Reverendissima Il Cardinale Angelo Comastri e concelebrata da Sua Eminenza Reverendissima il Cardinale Francesco Monterisi, con la partecipazione di Arcivescovi, Vescovi e ben 20 Monsignori della Curia Vaticana.  La cerimonia ha visto una numerosa e devota partecipazione del clero, tra cui sacerdoti dell’Arcidiocesi di Reggio Calabria-Bova. Tra i presenti, il Decano dell'I.N.A., Mons. Antonio Morabito, e il nuovo Assistente Spirituale dell'I.N.A., Don Giovanni Gattuso. Nel suo discorso, il Fondatore e Presidente dell'I.N.A., Cav. Dott. Lorenzo Festicini, ha sottolineato le grandi responsabilità che si assumono i membri dell'Istituto nell'aiutare le persone bisognose. "Entrare a far parte dell'I.N.A. significa abbracciare una missione di amore e servizio, prendendo esempio dai santi e seguendo i principi del Vangelo.” Durante l'omelia, il Cardinale Angelo Comastri ha ricordato quanto sia fondamentale donarsi per gli altri, ispirandosi ai grandi santi, come Santa Madre Teresa di Calcutta. "Il nostro impegno deve essere costante e sincero, mirando a costruire un mondo migliore attraverso piccoli ma significativi gesti di carità e amore", ha detto il Cardinale. La cerimonia è stata un momento di profonda riflessione e spiritualità, riaffermando l'importanza di un impegno concreto e quotidiano a favore dei più fragili. I nuovi membri dell'I.N.A. si sono impegnati a portare avanti questa missione con dedizione e passione, riflettendo i valori di altruismo e solidarietà che sono alla base dell'Istituto Nazionale Azzurro. Con questa solenne liturgia, il Vaticano ha visto rinnovarsi un impegno collettivo verso il prossimo, unendo fede e azione in un percorso di speranza e carità. In chiusura dell’evento i presenti hanno ringraziato il presidente Lorenzo Festicini che unitamente al consiglio direttivo dell’Istituto Nazionale Azzurro sono riusciti ad organizzare l’ennesimo evento di elevata spiritualità.

Pubblicato l'avviso per la partecipazione delle imprese reggine al workshop B2B per il turismo nell'area dello Stretto

Written by Redazione

E' stato pubblicato sull'albo pretorio della Città Metropolitana di Reggio Calabria l'avviso pubblico per le azione operanti nel settore turistico interessate alla partecipazione al workshop B2B con buyers nazionali ed internazionali in programma il prossimo 29 giugno nell'ambito del protocollo d'intesa per la realizzazione di iniziative congiunte di promozione turistica per l'area dello Stretto. I buyers appositamente selezionati in collaborazione con il Comune di Messina, anche in base alla programmazione di voli dell’Aeroporto Tito Minniti di Reggio Calabria, parteciperanno preventivamente ad un educational tour nell’Area Metropolitana dello Stretto (Città di Messina e Città Metropolitana di Reggio Calabria). La Città Metropolitana di Reggio Calabria metterà a disposizione una sala debitamente allestita per un incontro delle aziende del comparto turistico della Città Metropolitana con i buyer presenti. Saranno ammesse un massimo di 20 aziende, tutte con sede legale nel territorio della Città Metropolitana, che potranno prendere parte al workshop in forma gratuita. Tra le attività ricercate strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere con hotel 3-4-5 stelle e B&B medium e superior con capacità ricettiva minima di 10 posti letto, associazioni che operano nel settore turistico, consorzi turistici, agenzie di viaggio e tour operator che svolgono attività di incoming.