Crotone

Cutro ricorda con una veglia il naufragio in cui morirono 94 persone

Written by Redazione

Oltre un centinaio di persone all’alba, hanno partecipato alla veglia per ricordare la tragedia di un anno fa, il naufragio del caicco Summer Love che provocò la morte di 94 persone, di cui 35 minori. Trentacinque peluche sistemati a cerchio con al centro una maglietta bianca con su scritto Kr46M0, la dicitura con cui era stato indicato uno dei bimbi di pochi mesi morto e 94 candele una in ricordo di ogni migrante morto nella strage. Un’iniziativa voluta dalla rete 26 Febbraio, che riunisce circa 400 associazioni, celebrata alle 4, l’orario in cui avvenne lo scontro del caicco contro una secca ad un centinaio di metri dalla riva. Anche alcuni superstiti e familiari delle vittime hanno voluto essere presenti. Straziante, il pianto dirotto di una donna afghana che nel naufragio ha perso la sorella e due nipoti. La donna non ha retto all’emozione di trovarsi a pochi metri da quel mare, agitato come lo era quella notte, che le ha portato via i suoi cari ed ha avuto un malore. “Ho rivissuto le stesse emozioni di quel giorno, quando la barca è affondata ed è stato molto difficile”, ha raccontato Samir, 18enne afghano che si è salvato aggrappandosi ad un pezzo di legno. “I soccorsi sono arrivati tardi, ricorda, avevamo visto una luce e pensavamo fossero i soccorsi invece era un peschereccio ma quando siamo giunti sulla spiaggia non c’era nessuno”. Durante la commemorazione silenziosa, lo zio di un ragazzo morto nel naufragio, ha recitato alcuni versetti del Corano, alcuni superstiti e familiari delle vittime hanno pregato in direzione della Mecca. Al termine, due superstiti, insieme ai due pescatori che per primi intervennero sul luogo della strage, hanno gettato una corona di fiori, in lacrime si sono stretti in un abbraccio al ricordo di quella drammatica notte di un anno fa.

La statale 107 Silana Crotonese miete 2 vittime in un gravissimo incidente stradale

Written by Redazione

Due persone sono morte ed altre due sono rimaste ferite in modo grave in un incidente stradale avvenuto poco prima delle 17, lungo la strada statale 107 “Silana Crotonese”, in località “Brasimato” di Crotone. Le vittime viaggiavano a bordo di un’automobile una Fiat “Punto, che si é scontrata frontalmente, secondo quanto é emerso dai primi accertamenti, con un’altra vettura, una Volkswagen Golf, sulla quale si trovavano le due persone rimaste ferite. Nel momento dell’incidente nella zona pioveva intensamente. L’ipotesi che viene fatta, per ora, è che l’incidente possa essere stato provocato dall’asfalto reso viscido dalla pioggia. I due feriti sono stati ricoverati con prognosi riservata nell’ospedale di Crotone. Sul posto i sanitari del 118, i vigili del fuoco, e la Polizia Stradale per i rilievi del caso. Durante le operazioni di soccorso la SS 107 è stata momentaneamente bloccata ed il traffico deviato.

Crotone. Inaugurato Il "Giardino di Alì" in memoria delle vittime di Cutro

Written by Redazione

Novantaquattro piante per realizzare un ricordo perenne in memoria delle vittime del naufragio di Steccato di Cutro. Sono quelle piantumate nel ‘Giardino di Alì’ che il Comune di Crotone ha inaugurato stamane in occasione delle manifestazioni per l’anniversario del naufragio di Cutro del 26 febbraio 2023. Il giardino, sorto grazie alla disponibilità dell’Autorità di sistema portuale e della Capitaneria di Porto, si trova all’ingresso della città, è lungo 250 metri e largo 9. Nel giardino sono state piantate 94 piante, una in ricordo di ogni migrante morto nella strage di un anno fa. All’inaugurazione, erano presenti il prefetto di Crotone, Franca Ferraro, i familiari delle vittime e l’ambasciatore della Repubblica islamica dell’Afganistan, Khaled Ahmad Zekriya.

 LE DICHIARAZIONI DEL PREFETTO DI CROTORE FRANCA FERRARO

“Ho vissuto il terremoto de L’Aquila, e so cosa significa ricordare. Ricordare è importantissimo ed è bello poterlo fare con questa idea meravigliosa. Qui tutti coloro che hanno un pensiero triste, un problema, che si sentono soli e abbandonati possono trovare un minimo di conforto. E’ lodevole quello che voi, il territorio, la Calabria, voi tutti avete fatto con l’accoglienza dei migranti. Questa è una terra accogliente fatta di persone che si preoccupano di chi gli sta a fianco a prescindere da etnia, cultura, colore”.

LE DICHIARAZIONI DEL SINDACO DI CROTONE VINCENZO CROCE

“Sono stati giorni durissimi quelli del 26 febbraio dell’anno scorso, ma i calabresi, i crotonesi hanno dato prova di una solidarietà e di una umanità straordinaria. Il giardino è bellissimo, abbiamo voluto dedicarlo ad Alì, un bambino che era rimasto uno dei pochi senza nome ma era solo identificato con la sigla KR16M0. A lui abbiamo pensato per realizzare un luogo che simboleggia, attraverso gli alberi che abbiamo piantato, la rinascita della città”.

Crotone. Donna operata d'urgenza dopo aggressione del suo rottweiler

Written by Redazione

Una donna di 30 anni è stata sottoposta ad intervento chirurgico d’urgenza all’ospedale di Crotone per le ferite riportata dell’aggressione subita dal suo cane, un rottweiler, mentre si trovava nel giardino di casa. La donna ha riportato numerose ferite su tutto il corpo. A soccorrerla è andato un vicino di casa che ha sentito le sue urla e, seppur con difficoltà, è riuscito a portare via il cane. La 30enne, arrivata in ospedale in codice rosso, non è in pericolo di vita.

Mesoraca. Arrestato per detenzione di droga

Written by Redazione

I carabinieri di Mesoraca durante un servizio di controllo del territorio, hanno arrestato un 39enne, in flagranza del reato di detenzione illecita di sostanze stupefacenti. I militari nei giorni precedenti all’arresto, hanno notato un assiduo via vai di persone nell’abitazione dell’uomo, cosi hanno deciso di effettuare una perquisizione personale e domiciliare. A seguito della perquisizione, all’interno di un garage di proprietà del 39enne, i carabinieri hanno trovato nascosta in un grande contenitore di plastica, 697 grammi di hascisc, un chilo di marijuana e 140 grammi di cocaina, oltre a materiale per il confezionamento. Il sequestro ha rivelato ai militari una bizzarra ma non rara particolarità: su due panetti di hashish era presente un adesivo di carta riportante il finto logo di un famoso marchio di moda. Secondo gli inquirenti, utilizzare la modalità di “branding” per il confezionamento, cioè apporre sulle sostanze marchi di aziende famose, squadre di calcio o scuderie automobilistiche, è ormai molto diffusa e serve sia a “garantire” agli occhi dell’acquirente l’elevata qualità dello stupefacente che si va ad acquistare sia una vera e propria pubblicizzazione della sostanza al fine di renderla riconoscibile e quindi acquistabile sempre dalla stessa clientela.

Crotone. Nasce un terzo corso di laurea in medicina

Written by Redazione

Apre a Crotone un terzo corso di laurea in medicina, lo ha deciso all’unanimità il Comitato regionale universitario di coordinamento accogliendo la proposta del rettore dell’Unical Nicola Leone di attivazione di un nuovo corso interateneo tra l’Università della Calabria di Rende e l’università Magna Graecia di Catanzaro, che sarà la sede amministrativa. A Crotone sarà attivato il corso di laurea in Medicina e chirurgia  TD – Tecnologie Digitali con 84 posti a disposizione già nel primo anno accademico 2024/2025. Per i primi tre anni le lezioni si terranno interamente nella sede di Crotone, principalmente con docenti Unical. La sede didattica sarà messa a disposizione dal Comune di Crotone e sarà allestita dall’Unical che, oltre alle aule didattiche, provvederà a realizzare i laboratori di istologia, anatomia, informatica e inglese. I laboratori di microbiologia e genetica, di patologia generale e clinica e anatomia patologica si svolgeranno nelle strutture dell’Ospedale di Crotone. Nel secondo triennio i corsi saranno dedicati alla formazione clinica e si terranno prevalentemente a Catanzaro ma anche a Crotone, dove l’Umg intende gradualmente spostare una parte delle attività didattiche.

Gli atenei pubblici e il presidente della Regione – è scritto in una nota – insieme per offrire formazione di avanguardia e qualità, diritto allo studio a tutti, con i vantaggi economici non previsti dalle costose università private: dalla no tax area alle borse di studio. Il principale obiettivo è garantire l’alta qualità della formazione ai futuri medici e un’assistenza sanitaria per tutti i cittadini, in una regione che, storicamente, segna il passo come la Calabria“.