Catanzaro

Catanzaro. Tutto pronto per la "Naca", la tradizionale rappresentazione sacra del Venerdì Santo

Written by Redazione

La Naca, la tradizionale rappresentazione sacra del Venerdì Santo che attira migliaia di persone lungo il suo percorso, è un patrimonio spirituale e culturale che appartiene a tutta la città. Per il secondo anno consecutivo, l’Amministrazione Fiorita ha voluto, in accordo con l’Arcidiocesi Metropolitana, arricchire l’evento con un “cameo” artistico molto intenso.  Una novità assoluta, introdotta lo scorso anno, che s’inserisce, senza scalfirlo, nello schema rappresentativo e liturgico che si ripete da tempo immemorabile. Nel 2023 ci furono due eventi teatrali e di musica sacra sulle scalinate dell’Immacolata e della chiesa del San Giovanni. Quest’anno, il programma artistico immaginato dall’Amministrazione si concentrerà in un unico luogo, piazza Le Pera, collocato strategicamente lungo il percorso della Naca e precederà cronologicamente (ore 17) la partenza del corteo. Si chiama “Le vie della Croce” l’intervento artistico che precederà l’inizio della rappresentazione, con il programma ideato dal Conservatorio Statale “Tchaikovsky” che vedrà la musica del Quartetto d’archi, la partecipazione del soprano Miriana Screnci e le letture interpretate dalla Compagnia d’Irene Acli Nuova Scena, a cura di Romina Mazza. “E’ una bella novità che s’inserisce nella tradizione – ha commentato il sindaco Nicola Fiorita – rendendo ancora più intenso e partecipato un momento così atteso non solo dai catanzaresi, ma da tutti i calabresi. Ringrazio l’arcivescovo monsignor Claudio Maniago per avere accolto anche quest’anno questa nostra iniziativa che rafforza il legame tra la rappresentazione sacra e il popolo di Catanzaro. La Naca è qualcosa di più di una processione, è l’espressione più alta della spiritualità cittadina, è il momento in cui tutta la comunità si ritrova senza distinzione alcuna. Ma è anche un evento molto attrattivo e suggestivo che sarà seguito non solo da migliaia di catanzaresi, ma anche da tante persone provenienti dai Comuni vicini e mi auguro anche dai primi turisti che si affacciano nella nostra regione per il ponte pasquale”. La Naca, la tradizionale rappresentazione sacra del Venerdì Santo che attira migliaia di persone lungo il suo percorso, è un patrimonio spirituale e culturale che appartiene a tutta la città. Per il secondo anno consecutivo, l’Amministrazione Fiorita ha voluto, in accordo con l’Arcidiocesi Metropolitana, arricchire l’evento con un “cameo” artistico molto intenso.  Una novità assoluta, introdotta lo scorso anno, che s’inserisce, senza scalfirlo, nello schema rappresentativo e liturgico che si ripete da tempo immemorabile. Nel 2023 ci furono due eventi teatrali e di musica sacra sulle scalinate dell’Immacolata e della chiesa del San Giovanni. Quest’anno, il programma artistico immaginato dall’Amministrazione si concentrerà in un unico luogo, piazza Le Pera, collocato strategicamente lungo il percorso della Naca e precederà cronologicamente (ore 17) la partenza del corteo. Si chiama “Le vie della Croce” l’intervento artistico che precederà l’inizio della rappresentazione, con il programma ideato dal Conservatorio Statale “Tchaikovsky” che vedrà la musica del Quartetto d’archi, la partecipazione del soprano Miriana Screnci e le letture interpretate dalla Compagnia d’Irene Acli Nuova Scena, a cura di Romina Mazza. “E’ una bella novità che s’inserisce nella tradizione – ha commentato il sindaco Nicola Fiorita – rendendo ancora più intenso e partecipato un momento così atteso non solo dai catanzaresi, ma da tutti i calabresi. Ringrazio l’arcivescovo monsignor Claudio Maniago per avere accolto anche quest’anno questa nostra iniziativa che rafforza il legame tra la rappresentazione sacra e il popolo di Catanzaro. La Naca è qualcosa di più di una processione, è l’espressione più alta della spiritualità cittadina, è il momento in cui tutta la comunità si ritrova senza distinzione alcuna. Ma è anche un evento molto attrattivo e suggestivo che sarà seguito non solo da migliaia di catanzaresi, ma anche da tante persone provenienti dai Comuni vicini e mi auguro anche dai primi turisti che si affacciano nella nostra regione per il ponte pasquale”.

Lamezia Terme. Reati ambientali, Sequestro per 4milioni di euro

Written by Redazione

I finanzieri del Gruppo di Lamezia Terme e i militari della Polizia ambientale della Capitaneria di Porto di Vibo Valentia hanno sequestrato discariche abusive di rifiuti speciali pericolosi, fabbricati industriali, un’autocarrozzeria e impianti di lavaggio del valore complessivo di circa 4 milioni di euro. Durante un controllo in materia ambientale, svolto con il coordinamento della Procura di Lamezia Terme, sono state individuate e sottoposte a controllo diverse aziende operanti nell’hinterland lametino specializzate nella demolizione di autoveicoli e nel commercio di pezzi di ricambi usati di veicoli a motore, nelle riparazioni meccaniche e di carrozzerie di veicoli e nel lavaggio di veicoli commerciali. Le verifiche, eseguite con l’ausilio del personale tecnico dell’Arpacal, l’Agenzia per la Protezione dell’Ambiente della Regione Calabria, hanno consentito di accertare un’illecita gestione di rifiuti pericolosi creata ad hoc per incrementare i profitti attraverso il contenimento fraudolento dei costi di smaltimento e realizzando delle vere proprie discariche abusive a cielo aperto dove sono state abbandonate enormi quantità di rifiuti speciali pericolosi, con compromissione delle matrici ambientali suolo ed acqua e costituendo un potenziale pericolo per la salute pubblica. I rifiuti miscelati tra loro e depositati senza alcuna protezione sono risultati esposti agli agenti atmosferici, con la conseguenza che il percolato prodotto dal dilavamento è stato assorbito direttamente dal terreno inquinando le falde acquifere presenti. Le indagini hanno consentito di accertare la sussistenza di gravi indizi di colpevolezza a carico degli amministratori delle società ed imprese individuali controllate, per reati ambientale e violazioni alla normativa urbanistica. Inoltre, durante i controlli, sono stati scoperti diversi lavoratori impiegati in nero e violazioni di natura previdenziale e fiscale.

Il comune di Catanzaro Opinion Leader nazionale per l'efficienza energetica

Written by Redazione

L’Agenzia Nazionale per l’Efficienza Energetica dell’ENEA e il Comune di Catanzaro hanno siglato l’accordo che vede l’Amministrazione del Capoluogo calabrese riconosciuto come Opinion Leader per la promozione dell’efficienza energetica e Laboratorio urbano del Programma Nazionale “Italia in Classe A”. I due enti hanno, così, sancito un impegno condiviso sull'informazione e la formazione nelle tematiche relative all'efficienza energetica, nell’ambito del progetto di ricerca DE-Sign. A firmare l’intesa nella sede dell’Agenzia governativa a Roma sono stati la Direttrice del Dipartimento Unità per l'Efficienza Energetica di Enea, Ilaria Bertini, e il Sindaco di Catanzaro, Nicola Fiorita. L’accordo prevede un cronoprogramma di attività, per l’intero anno, che coinvolgerà anche gli ordini professionali, la cittadinanza e la scuola nelle attività di studio e analisi di soluzioni urbane, edilizie e abitative sempre più efficienti e consapevoli. In particolare, saranno individuati specifici ambiti urbani della Città di Catanzaro, in collaborazione con l’Assessorato ai Lavori Pubblici, destinatarie - a guida ENEA - di azioni finalizzate all’informazione sui temi della rigenerazione urbana attraverso la riqualificazione edilizia, la mobilità sostenibile, la valorizzazione di nuovi centri culturali dal basso. Successivamente, alcune aree ed edifici di edilizia privata o pubblica saranno oggetto di sperimentazione riguardo alle linee guida della ricerca sul DE-Sign, per restituire all'Amministrazione comunale un nuovo approccio alla progettazione definito dalla ricerca “humanising energy”. Previsti, in questa fase, anche tavoli tecnici, aperti al mondo delle professioni, agli addetti ai lavori, alla cittadinanza, come momenti di sensibilizzazione sull’efficienza energetica ed il nuovo modo di intendere l’ambiente urbano. Attività che culmineranno, a cavallo dell’estate, nel Forum dell’Abitare “BecHome Calabria”, tre giorni di confronti, dialoghi e formazione sui temi sociali, economici ed ambientali collegati alla transizione energetica. “Vedere Catanzaro ritagliarsi il ruolo di opinion leader nazionale in tema di efficienza energetica è un fatto che ci riempie d’orgoglio, avendo al nostro fianco un prestigioso ente come Enea che lavora, da anni, nella ricerca applicata all'ambiente, alle nuove tecnologie, allo sviluppo sostenibile”, commenta il Sindaco Nicola Fiorita. “Il valore aggiunto di questa collaborazione è l’opportunità di fare della nostra città un laboratorio urbano, aperto anche alle scuole e alle famiglie, volto a favorire la conoscenza delle nuove forme di comunità, da quelle sociali a quelle energetiche. Un programma che si concluderà con la consegna del Masterplan DE-Sign, sotto la lente della sostenibilità energetica. Un documento strategico che potrà orientare i processi decisionali su cui l’Amministrazione è già impegnata guidando, in chiave ecologica, le future trasformazioni urbanistiche”. “Nel ruolo di Agenzia Nazionale per l’Efficienza Energetica siamo da sempre al fianco delle istituzioni che operano sul territorio per promuovere il miglioramento dell’efficienza energetica e il raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione, anche attraverso le azioni previste dalla campagna nazionale di formazione e informazione Italia in Classe A che ci vede protagonisti”, dichiara la Direttrice del Dipartimento Unità per l’Efficienza Energetica dell’ENEA, Ilaria Bertini. “L’accordo siglato oggi con il Comune di Catanzaro rappresenta una nuova importante tappa nel percorso per la riqualificazione energetica del patrimonio immobiliare, che è uno degli strumenti chiave per il rilancio degli ambienti urbani, e per la diffusione di una cultura dell’efficienza energetica a tutti i livelli”. Alla giornata ha preso parte anche Roberto Minerdo, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Tutela del Mare, partner del Progetto di Ricerca DE-Sign e dei suoi laboratori urbani, che ha siglato un accordo Opinion Leader nell’ambito della Campagna.  La linea di attività “Coinvolgimento Opinion Leader (OL)” è prevista dal Piano operativo nell’ambito del Programma triennale di Informazione e Formazione (PIF) per l’efficienza energetica, promosso dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica e realizzato dall’ENEA.

 

“Un libro dal tramonto all’alba", Bosco: "Prima volta in Calabria. Catanzaro capace di grandi imprese culturali"

Written by Redazione

"Edizione Straordinaria ha regalato alla città di Catanzaro 12 ore di pura libertà culturale. Con il long mob di sabato scorso, la "Compagnia del teatro di MU'" e la Scuola di Teatro "Enzo Corea" hanno dimostrato come la nostra città sia capace di grandi imprese”. È il commento di Gianmichele Bosco, presidente del Consiglio Comunale, dopo l’iniziativa “Un libro dal tramonto all’alba“ ideata da Pasquale Rogato, Gianpaolo Negro e Claudia Olivadese, attori della compagnia e insegnanti della Scuola di teatro diretta da Salvatore Emilio Corea. Oltre agli attori e gli insegnati della scuola, circa 60 persone hanno contribuito alla lettura ad alta voce del libro “Momo” di Michael Ende. Un momento collettivo, su Corso Mazzini, in occasione della Giornata nazionale della lettura, iniziato alle 18.00 di sabato e terminato alle 06.00 di domenica. “Un’occasione straordinaria per celebrare la bellezza della lettura come strumento di condivisione. L’iniziativa è rivoluzionaria, perché è la prima volta che si tiene in Calabria e ci dimostra come la cultura e la comunità possano interagire in modo significativo e costruttivo. La partecipazione attiva di cittadini, artisti e volontari ha trasformato l'evento in una celebrazione della letteratura e della creatività, ribadendo l'importanza del dialogo e dello scambio culturale nella vita pubblica. La scelta di 'Momo' di Michael Ende, un romanzo che esplora temi come il tempo, la comunicazione e l'amicizia, si è rivelata particolarmente adatta a stimolare riflessioni e discussioni tra i partecipanti. Questa esperienza ha dimostrato che, anche a Catanzaro, è possibile organizzare eventi culturali di grande impatto, che lasciano un segno duraturo nella comunità. La Società cooperativa Edizione Straordinaria ha fissato un nuovo standard per le iniziative culturali in Calabria, dimostrando che con impegno, passione e collaborazione, si possono superare le barriere tradizionali e creare momenti di condivisione autentica e arricchimento reciproco. L'evento ha inoltre evidenziato l'importanza di spazi pubblici come Corso Mazzini, che si sono trasformati in arene vivaci di cultura accessibile a tutti, rafforzando il senso di appartenenza alla comunità e l'amore per la propria città”.

Catanzaro. Il Sindaco e la Vice avviano giro di consultazioni sui temi della sanità catanzarese

Written by Redazione

Il sindaco Nicola Fiorita ha avviato una serie di consultazioni, strutturata per tavoli tematici, per affrontare le diverse questioni attinenti la sanità nella Città di Catanzaro. Il primo cittadino, affiancato dalla vice Giusy Iemma con delega ai rapporti col sistema sanitario, ha convocato a Palazzo De Nobili una delegazione delle diverse sigle sindacali di settore - Ivan Potente (CGIL),  Nino Accorinti (Cisl), Franco Maltese (UIL Fpl area medica) e Anna Vero (Anaao-Assomed) - per tracciare i punti base di un confronto politico e istituzionale, alla luce anche delle recenti vicissitudini relative al riordino della rete ospedaliera calabrese. Gli incontri del sindaco proseguiranno nei prossimi giorni con il commissario della "Dulbecco", Simona Carbone, e con i vertici degli ordini professionali del comparto. 
 
Il nuovo ospedale e il futuro del Pugliese
 
L’interlocuzione ha riguardato, in primis, le scelte relative all’ubicazione del nuovo Ospedale, nell’ottica di un raccordo con i diversi presidi sanitari territoriali. In tal senso, il sindaco ha condiviso con i rappresentanti sindacali la volontà generale “che il Pugliese non esca ridimensionato da possibili decisioni di natura logistica, tenendo conto del valore e della funzione del patrimonio, umano e materiale, custodito dalla struttura di viale Pio X.  Anche l’eventuale ipotesi di riconversione in Casa della Salute costituirebbe un serio rischio di ridimensionamento nell’ambito dei servizi assistenziali sul territorio. Bisogna, poi, considerare quello che l’Ospedale, nella sua storica ubicazione, rappresenta per tutto il tessuto economico e produttivo che è cresciuto attorno”. Per tale motivo – ha aggiunto il sindaco – “è opportuno, come più volte sostenuto, che la scelta su dove allocare il nuovo Ospedale, così complessa e irreversibile, sia avallata dalla più ampia condivisione di tutte le parti sociali, garantendo al Consiglio comunale gli strumenti tecnici per esprimere convintamente una posizione unitaria”.  
 
Il secondo Pronto soccorso
 
Con i rappresentanti sindacali della sanità, sindaco e vicesindaco hanno discusso anche dell’ipotesi dell’istituzione del secondo Pronto soccorso a Germaneto. Dal confronto è emersa una divergenza di opinioni che, a detta del primo cittadino, “dovrà essere risolta, prima di assumere ogni provvedimento, attraverso un’attenta valutazione del rapporto costo-benefici dell’operazione, con l'obiettivo primario di rafforzare l'esistente, salvaguardare la qualità complessiva dei servizi, garantire presidi più attrezzati e accessibili, in termini di mezzi e personale, impiegando in modo efficace tutte le risorse disponibili".  
 
Il caso delle strutture operative complesse della “Dulbecco”
 
Infine, l’interlocuzione ha toccato anche il capitolo delle strutture operative complesse della “Dulbecco” alla luce del riordino della rete ospedaliera calabrese. Il tavolo ha preso atto che, come appreso dalle dichiarazioni del Presidente Occhiuto, il documento licenziato dalla struttura commissariale regionale dovrà essere rivisto e confermato dal Ministero. Con riguardo alla riorganizzazione delle SOC – che nel caso della “Dulbecco” riguarda la prevista unificazione di alcuni “doppioni” ereditati dalle ex aziende Pugliese-Ciaccio e Mater Domini – Fiorita e Iemma con i rappresentanti sindacali, in risposta ad alcune dichiarazioni espresse da parlamentari, hanno ribadito che il numero delle strutture statuito nelle tabelle regionali, per ciascuna provincia, tiene conto di indici e coefficienti pregressi e consolidati nel tempo. “Non è il momento di dare adito a rivendicazioni non supportate dalle carte – ha concluso Fiorita -, piuttosto occorre ricercare una visione unitaria sull’offerta sanitaria regionale che tenga conto del ruolo, del lavoro e dei risultati maturati sul campo”.
 
 
 

Catanzaro. Lavori ingresso nord, Domani temporanea limitazione al traffico

Written by Redazione

Domani, sabato 23 marzo 2024, il tratto di strada in uscita dalla galleria del Sansinato in direzione Catanzaro nord verrà chiuso al traffico dalle ore 7:00 e fino alla conclusione dei lavori, la cui durata è stimata nell’ordine di qualche ora. L’intervento che verrà eseguito è di competenza Anas e consisterà nella pulizia, diserbo e bonifica dei muri di contenimento nonché dei costoni che fiancheggiano la strada, sulla destra rispetto al senso di marcia. I veicoli in uscita dalla Sansinato e diretti verso Catanzaro nord dovranno quindi proseguire lungo via Lucrezia Della Valle e utilizzare le vie di accesso alternative, come Viale dei Normanni. Lo rende noto l’assessore all’ambiente Giorgio Arcuri, che da tempo ha avviato con Anas una proficua interlocuzione per garantire la costanza nella cura e nella manutenzione dei tratti di competenza diversa da quella comunale. “Soddisfatto” per l’intervento in programma domani il consigliere comunale Francesco Scarpino, il quale sottolinea “l’importanza di garantire il decoro delle arterie di accesso al capoluogo che ne rappresentano sostanzialmente il primo biglietto da visita. Mi preme – continua – ringraziate tanto l’assessore Arcuri Giorgio e il dirigente del settore, Antonio Dominianni, quanto l’ingegnere Gianluca Bubba e il responsabile dell’area manutenzione di Anas, Sarino Montesano, per l’ottima sinergia che sono riusciti a instaurare tra i due enti. Ma mi piace anche ricordare, in questa circostanza, l’intervento già effettuato dall’Azienda sulla Tangenziale ovest fino al quartiere S. Elia, dove ai lavori sul verde si è aggiunto il rifacimento della segnaletica orizzontale. Sono certo – conclude Scarpino – che la buona pratica collaborativa adottata potrà strutturarsi e diventare la regola da applicare con continuità. Per quel che mi riguarda l’impegno continuerà a essere costante perché, voglio ribadirlo ancora una volta, il decoro di una città passa prima di tutto attraverso l’immagine di sé che essa restituisce all’esterno e l’immagine è il più formidabile ed efficace biglietto da visita che possa esistere”.