Catanzaro

Catanzaro dice no al centro di permanenza per i rimpatri

Written by Redazione

La vicesindaca di Catanzaro, Giusy Iemma, ribadisce con forza la posizione già espressa dal sindaco Nicola Fiorita contro la realizzazione del Centro di Permanenza per i Rimpatri (CPR) nella località di Alli. "Questa posizione nasce non solo da una contrarietà ideologica, ma anche da una profonda preoccupazione per le modalità con cui questa decisione è stata presa. Non possiamo concepire l'idea di una "prigione per immigrati" sul nostro territorio, peraltro assunta Centralmente senza un dialogo costruttivo e una concertazione con gli enti locali. Il Governo ha proceduto in modo unilaterale, richiedendo semplici informazioni tecniche senza considerare valutazioni più ampie che tengano conto delle reali necessità e delle prospettive di sviluppo della nostra comunità. Catanzaro sta vivendo un momento di rilancio e di pianificazione territoriale, come dimostra il percorso di approvazione del nostro Piano Strutturale Comunale (PSC). Alli gioca un ruolo cruciale in questo processo, essendo al centro dei nostri piani di riqualificazione urbana e di ricucitura non solo fisica, ma anche sociale ed economica. La scelta di posizionare un CPR in questa area comprometterebbe gravemente questi sforzi, minando le basi per un rilancio produttivo e per la creazione di un territorio integrato e coeso con i comuni limitrofi. Per queste ragioni, faccio appello a tutte le forze politiche presenti in Consiglio Comunale affinché si uniscano in un fronte comune contro la realizzazione del CPR ad Alli. È essenziale che chi ha voce e competenza in seno al governo centrale faccia sentire la propria opposizione a questo progetto, che avrebbe conseguenze devastanti non solo per la comunità di Catanzaro, ma anche per l'immagine stessa dell'accoglienza e dell'integrazione nel nostro Paese. In questo momento critico, è fondamentale che prevalga un approccio basato sul dialogo, sulla concertazione e sul rispetto delle esigenze di tutte le comunità coinvolte. Catanzaro non deve essere penalizzata da decisioni calate dall'alto, ma deve essere protagonista attiva di un processo che veda al centro il benessere dei suoi cittadini e il rispetto dei diritti umani. La nostra città ha dimostrato, nel corso degli anni, di saper accogliere e integrare, di essere luogo di incontro e di scambio. Non possiamo permettere che ora venga imposta una visione che va contro questi valori. È il momento di agire, insieme, per garantire che Catanzaro continui sul percorso della crescita e dell'innovazione, in un contesto di pace e di inclusione".

Catanzaro. Il presidente del Consiglio Comunale Gianmichele Bosco, aderisce alla manifestazione "Mai più morti in mare"

Written by Redazione

Il presidente del Consiglio Comunale di Catanzaro, Gianmichele Bosco, aderisce alla manifestazione "Mai più morti in mare", organizzata dalla "Rete 26 febbraio" in memoria della tragica strage di migranti avvenuta a Steccato di Cutro un anno fa. 
 “Questo evento non rappresenta solo una commemorazione delle vite perdute, ma anche un momento di riflessione collettiva sulle dinamiche della migrazione e sulla necessità urgente di garantire percorsi sicuri e legali per chi fugge da conflitti, povertà e disastri ambientali. Il ricordo delle 94 vittime, tra cui 35 minori, e dei dispersi in quella tragica notte, ci obbliga tutti a riflettere sul valore della vita umana e sull'importanza della solidarietà e dell'accoglienza. In questo giorno di memoria, è d’obbligo unirsi nel ricordo e nell'impegno a fare tutto ciò che è in nostro potere per prevenire che simili tragedie si ripetano. La partecipazione è un gesto simbolico, ma essenziale per dimostrare che non dimentichiamo e che siamo fermamente impegnati nella costruzione di un futuro più giusto e sicuro per tutti. Soprattutto in un momento in cui le politiche nazionali non sembrano guardare dalla stessa parte e in cui, proprio a Cutro, sfilano ministri di un Governo che della speculazione politica sulla lotta all'immigrazione ne ha fatto sempre un cavallo di battaglia  Al contraio, è fondamentale trasmettere il messaggio che la storia non si deve ripetere e che ognuno di noi ha il potere e la responsabilità di contribuire a cambiare le cose. Con la presenza di superstiti e familiari delle vittime, la manifestazione diventa anche un momento di ascolto e di dialogo, che ci permette di comprendere più profondamente le storie personali di chi ha vissuto sulla propria pelle le conseguenze delle politiche migratorie attuali. La loro testimonianza è un monito a lavorare senza sosta per politiche più umane e inclusive”.

In arrivo altri medici cubani assegnati all'Asp di Catanzaro

Written by Redazione

Entreranno in servizio lunedì prossimo 26 febbraio altri dieci medici cubani assegnati all’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro. I professionisti, che fanno parte del terzo contingente arrivato in Calabria, si andranno ad aggiungere agli undici già assegnati e presenti nell’ospedale di Lamezia Terme. Cinque di loro, invece, saranno inviati nell’ospedale di Soverato. Il loro contratto è di un anno. I 10 medici che sono stati assegnati in base alle specialità possedute, prima di entrare in servizio hanno frequentato un corso in lingua italiana all’Università della Calabria e un periodo di informazione sul servizio sanitario regionale. “La loro presenza – è detto in una nota dell’Asp di Catanzaro – rappresenta un sostegno fondamentale soprattutto per i presidi che continuano a registrare carenza di personale a fronte delle numerose richieste di prestazioni sanitarie da parte di una popolazione sempre più anziana. Nei mesi scorsi erano già arrivati altri professionisti cubani, 11 assegnati al Presidio di Lamezia Terme, di cui 4 in Pronto Soccorso, 2 in Ortopedia, 2 in Cardiologia, 1 in Pediatria, 1 in Chirurgia, 1 in Radiologia; 4 invece al Pronto Soccorso di Soveria Mannelli. Anche nel Presidio di Soverato nei mesi scorsi erano arrivati sette medici cubani. L’inserimento negli organici dei medici cubani rappresenta un ulteriore potenziamento dei servizi sanitari di strutture ospedaliere che sono punto di riferimento per tutta l’area centrale della Calabria. In parallelo procede il reclutamento dei medici italiani; la prossima settimana avverranno i colloqui per le assegnazioni della disciplina, cruciale, di emergenza urgenza“.

Catanzaro. Il no del sindaco Fiorita al centro di rimpatrio degli immigrati irregolari ad Alli

Written by Redazione

Riceviamo e pubblichiamo nota del sindaco di Catanzaro, Nicola Fiorita                                       
 
Il governo sta valutando la possibilità di realizzare sul nostro territorio, nella zona di Alli, uno dei Centri per il rimpatrio degli immigrati irregolari (Cpr) previsti dal Decreto Cutro.  Ho comunicato al Prefetto il mio "no" convinto per una serie di motivazioni. La prima è che considero queste strutture disumane e inutili, lontane dallo spirito di solidarietà umana di cui la nostra città ha dato prova. I Cpr non risolveranno il problema dell'immigrazione irregolare e clandestina. La seconda motivazione riguarda i criteri che devono guidare la scelta del governo. Non si capisce perché il centro dovrebbe essere collocato proprio a Catanzaro, una città che sta facendo i conti con un attacco criminale molto preoccupante e che vede il nostro Comune sotto assedio, come dimostra da ultimo il vigliacco maxi furto nel Centro fieristico. Noi dal governo ci aspettiamo piuttosto un ulteriore potenziamento delle forze dell'ordine per contrastare i fenomeni delinquenziali e mafiosi che inquietano i cittadini e minacciano imprenditori e operatori commerciali. Il Governo invece si dimentica di Catanzaro e del suo ruolo istituzionale,  magari organizzando il G7 non nel Capoluogo di Regione, e poi si ricorda di noi solo per individuare un'area che considera come "luogo scarsamente abitato". Noi queste strutture disumane e pericolose non le vogliamo. Noi siamo per accogliere i rifugiati, coloro che scappano da guerre e carestie, con un modello diffuso che salvaguardi i bambini, le donne, gli adolescenti. Un modello che si spalmi su più località, non una specie di campo di concentramento che potrà solo amplificare l'illegalità. Il governo ha le armi per imporci questa scelta, ma sappia che ha la netta contrarietà della nostra comunità.

Catanzaro. Il prof. Alessandro Campi nominato direttore dell'Istituto per il Risorgimento

Written by Redazione

L’assessore alla cultura, Donatella Monteverdi, ha espresso il proprio compiacimento per la nomina del professor Alessandro Campi quale nuovo Direttore dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano. “Ne siamo particolarmente lieti – ha commentato Monteverdi – intanto perché Campi è un catanzarese di nascita ma poi anche perché sono forti i legami tra la nostra città e il Risorgimento, come del resto dimostrano la nostra toponomastica e il museo dedicato a quel periodo così importante per l’Italia. Siamo sicuri che anche dalla nuova postazione il professor Campi saprà dare prova di quella competenza e di quell’amore di studioso verso la storia, di cui è intrisa la sua brillante carriera. Per parte nostra, noi saremo felici di accoglierlo, certi che non mancherà l’occasione per una sua visita in città.

Catanzaro. L' Anci ricorda lo scienziato e premio Nobel Dulbecco a 110 anni dalla sua nascita

Written by Redazione

L’Anci commemora il grande scienziato catanzarese e premio Nobel Renato Dulbecco a 110 anni dalla sua nascita attraverso le parole del sindaco Nicola fiorita. Il 22 febbraio 2024 si celebra l’importante anniversario per uno dei concittadini più illustri, che nel 1975 è stato insignito del premio Nobel per la Medicina, insieme a David Baltimore e Howard Temin, per le importanti ricerche sull’interazione tra i virus tumorali e il materiale genetico della cellula. Dulbecco ha ricevuto anche la cittadinanza onoraria di Catanzaro nel 1983. Fiorita ha sottolineato lo stretto legame che la città conserva tuttora con la sua figura, evidenziando la nascita dell’Azienda unica ospedaliero-universitaria che porta il suo nome e che mira a diventare uno dei maggiori hub sanitari del Mezzogiorno. Il 2025 sarà l’anno del cinquantenario del Premio Nobel assegnato a Dulbecco ed è su questo orizzonte che si concentra l’impegno dell’Amministrazione nel celebrare e ricordare un pioniere nelle ricerche sulla genetica del cancro. “Dulbecco aveva mantenuto un rapporto speciale con Catanzaro e spesso, tra gli innumerevoli viaggi internazionali, andava a visitare la casa dove aveva vissuto con i suoi genitori in un vico di Bellavista", sottolinea il sindaco. "L’anno prossimo ricorrerà un anniversario importante e abbiamo già coinvolto una fitta rete di enti ed istituzioni per l’istituzione di un Comitato mirato all'organizzazione di iniziative di alto profilo scientifico, che veda anche il contributo attivo dell’Università. É nostra intenzione far conoscere la figura di Dulbecco e rendere sempre vivi i suoi insegnamenti specialmente tra le nuove generazioni di medici e ricercatori”.